CyberSecurity 2020, come proteggere il tuo sito web

CyberSecurity 2020, come proteggere il tuo sito web

Alcuni suggerimenti per mantenere al sicuro il tuo sito web. Di seguito una rapida carrellata di azioni che ogni webmaster dovrebbe fare per mettere in sicurezza il tuo sito web.

Mettere in sicurezza il proprio sito web

  1. Poteggere gli accessi

    Uno dei modi più semplici per violare un sito è quello di utilizzare le credenziali di accesso. Per bloccare accessi non autorizzati, Il consiglio è quello di modificare il nome utente dell’amministratore di WordPress o di altro CMS e di generare una password complessa.
    Attivare l’autenticazione a due fattori tramite ad esempio Google Auth.

  2. Limitare i privileggi degli utenti

    Concedere agli utenti solo i privilegi necessari per svolgere i compiti a loro destinati. Ad esempio se un utente deve occuparsi solo di inserire articoli per popolare il blog, è inutile assegnarli privilegi di amministrazione, sono sufficienti quelli di Editor.

  3. Crittografare il traffico

    Utilizzare un certificato SSL in maniera tale da rendere criptata la connessione tra browser e server.

Come velocizzare il sito web realizzato con wordpress

Capita spesso che un sito realizzato con wordpress dopo un certo periodo risulti molto lento, ci sono delle operazioni che si possono fare per poter velocizzare il nostro sito e renderlo più appetibile ai motori di ricerca. Google tra i parametri che valuta per posizionare un sito, tiene in considerazione anche e sopratutto la velocità di caricamento delle singole pagine.

  1. Verificare le caratteristiche del server

    Di solito il vostro fornitore, dovrebbe darvi le specifiche, nel caso non le abbiate dovete inviare una mail e chiederle.

  2. Eliminare i plugin non necessari o non utilizzati

    Dal pannello di amministrazione di wordpress, entrare nell’area dei plugin e eliminate quelli che risultano disattivi. Poi date un occhiata a quelli attivi e cercate di capire cosa fanno e se vi servono. Molti plugin installati sono praticamente inutili e possono essere eliminati tranquillamente.

  3. Comprimere le immagini

    Ottimizzate le immagini con un programma di grafica, ad esempio con photoshop. Potete anche utilizzare dei plugin creati appositamente per wordpress ma li sconsiglio, nel caso non abbiate photoshop potete utilizzare questo https://saerasoft.com/caesium/

  4. Comprimere HTML, CSS e JavaScript

    Se non siete dei programmatori, in questo caso vi consiglio di utilizzare WP Super Minify

  5. Fate pulizia nel database

    Installate il plugin Sweep che vi permette di eliminare una serie di porcherie che si annidano nelle tabelle.

  6. Scelta del template

    Se possibile utilizzate dei template leggeri ed evitate di utilizzare delle versioni demo dei template commerciali.

Il lavoro remoto è la nuova normalità

Il lavoro remoto è la nuova normalità

Il 74% delle aziende afferma di voler spostare alcune posizioni al lavoro da remoto in maniera permanente.

Il futuro del lavoro è un argomento che è stato ampiamente discusso negli ultimi anni, poiché la tecnologia offre nuovi metodi per comunicare, lavorare da remoto e affrontare altri aspetti legati al lavoro.
Il lavoro da remoto, smart working, è stato una delle principali tendenze degli ultimi tempi, dato che la pandemia globale di COVID-19 è servita sia come catalizzatore che come prova di concetto.
Le organizzazioni di tutto il mondo hanno continuato a funzionare durante la pandemia e hanno persino migliorato la produttività introducendo modelli di lavoro da casa.
Questo “esperimento forzato” è stato un successo tale che il 74% delle aziende dichiara ora di voler trasferire alcune posizioni al lavoro da remoto in maniera permanente.

I principali vantaggi sono:
migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata per i dipendenti, maggiori livelli di produttività per i dipendenti, minori costi per i datori di lavoro, maggiori opportunità dal punto di vista delle assunzioni, migliore gestione del rischio per le aziende e un’organizzazione più rispettosa dell’ambiente.

Le principali tecnologie che supportano questa trasformazione sono: tecnologia cloud, videoconferenza, software di collaborazione, software di gestione degli accessi, sicurezza informatica.

Possiamo supportare la tua attività per far fronte a questa trasformazione, per informazioni e consulenze contattaci e fissiamo un incontro, rigorosamente in videoconferenza!

Windows 10 non si aggiorna, fine del servizio

Windows 10 non si aggiorna, fine del servizio

La tua versione di Windows ha raggiunto la fine del servizio. Ti consigliamo di eseguire l’aggiornamento alla versione più recente di Windows 10 per ottenere le funzionalità e i miglioramenti della sicurezza più recenti.

Questo messaggio appare nei pc di molti utenti a partire da maggio 2020, appare anche se la licenza è originale ma windows update non permette di risolvere il problema.
E inutile che proviate a riavviare, eliminare file dalla cronologia, disabilitare antivirus…niente da fare, non funziona!

Come fare?

Collegatevi al sito https://www.microsoft.com/it-it/software-download/windows10 e cliccate sul pulsante Aggiorna ora.

Si apre la finestra che vedete nell’immagine in alto, procedete armati di santa pazienza, a seconda della vostra connessione, il tempo necessario puo’ variare da un ora a tre ore.

Eliminare ID articolo da url di Joomla

Eliminare ID articolo da url di Joomla

Il CMS Joomla, crea una miriade di articoli duplicati, questa sistuazione a volte puo creare dei problemi con l’utilizzo di alcuni moduli, come ad esempi BT Content da Yootheme.

Esempio: miosito.it/nome-articolo.html viene riscritto con miosito.it/id-nome-articolo.html

Questa situazione è poco piacevole sia in ottica SEO (per google sono pagine duplicate) e sia perchè spesso i contenuti non vengono visualizzati.

Come fare per eliminare ID articolo?

Apri il file config.xml che trovi dentro admin/content/

inserisci queste righe di codice:

Poi vai sulle opzioni dell’articolo e metti SI nel campo Sef Advanced Mode.

× Contatto WhatsApp