3-2-1 Strategia ottimale per i backup dei dati

3-2-1 Strategia ottimale per i backup dei dati

Perdere i dati è un incubo, spesso e volentieri non si prendono le dovute precauzioni sia per negligenza e sia per incompetenza.
Le motivazioni possono essere:

  • Guasti al disco rigido
  • Danni naturali
  • Attacchi ransomware

Per evitare queste problematiche, la strategia migliore è quella del 3 – 2 – 1 che consente di ottenere più versioni dei dati di backup e ci permette di essere tranquilli.

Cosa vuol dire 3-2-1?

Che devono essere disponibili almeno tre copie dei dati, una viene archiviata a livello locale e le altre due in posizioni differenti, ad esempio su un cloud.

Questa strategia è consigliata anche per gli utenti privati, permette di mettere in sicurezza tutti i dati e le informazioni critiche.

CyberSecurity 2020, come proteggere il tuo sito web

CyberSecurity 2020, come proteggere il tuo sito web

Alcuni suggerimenti per mantenere al sicuro il tuo sito web. Di seguito una rapida carrellata di azioni che ogni webmaster dovrebbe fare per mettere in sicurezza il tuo sito web.

Mettere in sicurezza il proprio sito web

  1. Poteggere gli accessi

    Uno dei modi più semplici per violare un sito è quello di utilizzare le credenziali di accesso. Per bloccare accessi non autorizzati, Il consiglio è quello di modificare il nome utente dell’amministratore di WordPress o di altro CMS e di generare una password complessa.
    Attivare l’autenticazione a due fattori tramite ad esempio Google Auth.

  2. Limitare i privileggi degli utenti

    Concedere agli utenti solo i privilegi necessari per svolgere i compiti a loro destinati. Ad esempio se un utente deve occuparsi solo di inserire articoli per popolare il blog, è inutile assegnarli privilegi di amministrazione, sono sufficienti quelli di Editor.

  3. Crittografare il traffico

    Utilizzare un certificato SSL in maniera tale da rendere criptata la connessione tra browser e server.

Il lavoro remoto è la nuova normalità

Il lavoro remoto è la nuova normalità

Il 74% delle aziende afferma di voler spostare alcune posizioni al lavoro da remoto in maniera permanente.

Il futuro del lavoro è un argomento che è stato ampiamente discusso negli ultimi anni, poiché la tecnologia offre nuovi metodi per comunicare, lavorare da remoto e affrontare altri aspetti legati al lavoro.
Il lavoro da remoto, smart working, è stato una delle principali tendenze degli ultimi tempi, dato che la pandemia globale di COVID-19 è servita sia come catalizzatore che come prova di concetto.
Le organizzazioni di tutto il mondo hanno continuato a funzionare durante la pandemia e hanno persino migliorato la produttività introducendo modelli di lavoro da casa.
Questo “esperimento forzato” è stato un successo tale che il 74% delle aziende dichiara ora di voler trasferire alcune posizioni al lavoro da remoto in maniera permanente.

I principali vantaggi sono:
migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata per i dipendenti, maggiori livelli di produttività per i dipendenti, minori costi per i datori di lavoro, maggiori opportunità dal punto di vista delle assunzioni, migliore gestione del rischio per le aziende e un’organizzazione più rispettosa dell’ambiente.

Le principali tecnologie che supportano questa trasformazione sono: tecnologia cloud, videoconferenza, software di collaborazione, software di gestione degli accessi, sicurezza informatica.

Possiamo supportare la tua attività per far fronte a questa trasformazione, per informazioni e consulenze contattaci e fissiamo un incontro, rigorosamente in videoconferenza!

Windows 10 non si aggiorna, fine del servizio

Windows 10 non si aggiorna, fine del servizio

La tua versione di Windows ha raggiunto la fine del servizio. Ti consigliamo di eseguire l’aggiornamento alla versione più recente di Windows 10 per ottenere le funzionalità e i miglioramenti della sicurezza più recenti.

Questo messaggio appare nei pc di molti utenti a partire da maggio 2020, appare anche se la licenza è originale ma windows update non permette di risolvere il problema.
E inutile che proviate a riavviare, eliminare file dalla cronologia, disabilitare antivirus…niente da fare, non funziona!

Come fare?

Collegatevi al sito https://www.microsoft.com/it-it/software-download/windows10 e cliccate sul pulsante Aggiorna ora.

Si apre la finestra che vedete nell’immagine in alto, procedete armati di santa pazienza, a seconda della vostra connessione, il tempo necessario puo’ variare da un ora a tre ore.

Attenzione a Cyborg

Cyborg è un ramsomware, che spesso si presenta come “aggiornamento di windows 10”! www.sicuranet.it

Aiuto, Moodle cancella i corsi!!!

Aiuto, Moodle cancella i corsi!!!

Questo problema si presenta quando:
il php del vostro server non è aggiornato e quando moodle non è aggiornato all’ultima versione stabile.

Quello che dovete fare è (sarebbe meglio rivolgervi ad un esperto):

  1. fate un backup del sito
  2. fate un backup del database
  3. tramite pannello gestione del servizio di hosting, aggiornate versione di php
  4. reinstallate moodle da zero
  5. importate il db
  6. importate cartelle con i documenti (file, video, scorm, immagini)
  7. aggiornate moodle.
Apri la chat
1
WhatsApp
Ciao!
Bisogno di informazioni? Chiedi qui!